IMG_2541-1280x960.jpg

So già che state pensando ai classici spotters che si mettono ai margini delle piste per catturare immagini e sigle degli aeroplani che transitano da quell’aeroporto. Ma questa volta… non sono gli aeroplani che cerchiamo.

Visto il successo dell’uscita precedente e della campagna “Tutti in Volo” abbiamo formato 3 diversi equipaggi con tre aeroplani. La destinazione sempre Lussino. L’idea era di uscire in barca per fare Dolphin Spotting…

Abbiamo messo in linea tutti e 3 i nostri PA 28 e siamo decollati per Lussino con rotta quasi diretta, via Cento, Sud di Ferrara, attraversamento Fir / Confine a sud del punto Labin per poi atterrare. In poco piu’ di un’ora e mezza, anche se con molta foschia, e senza eventi ci siamo appoggiati sulla gobba di cammello della pista di LDLO.

L’armatore della barca ci aspettava a Lussinpiccolo (che in realtà è il piu’ “grande”) per le pratiche di noleggio. Con il pieno di carburante siamo usciti dal porto per far rotta verso le secche di Palazziol una delle riserve naturali piu’ grosse e colonie di Delfini. Dopo aver setacciato con lo sguardo diversi specchi di mare e aver anche scambiato un paio di rivoli d’onda per i delfini abbiamo desistito. In effetti i 250 cavalli del motore della barca facevano un bel casino… e puo’ essere che questi mammiferi non si siano avvicinati.

Non avendo avuto fortuna con i deflini ci dedichiamo al bagno, allo snorkelling e all’immancabile pranzo in barca a base di lambrusco D.O.P., Parmigiano Reggiano e salame, per poi salpare l’ancora e andare nella vicina isola di Ilovik per un caffè nel porticciolo e un nuovo tuffo nella baia di Parzine.

 

 

 

 

 

Le meteo nel pomeriggio davano parecchio movimento con previsione di forti temporali e Bora in discesa da Nord Est. Decidiamo quindi di rientrare in porto un’ora prima del previsto per evitare di decollare con raffiche di vento oltre i 30 nodi. Alle 17:20 circa siamo tutti in volo: due equipaggi in rientro a Modena e un equipaggio con rotta a SUD verso Brazza – Dubrovnik. Quota 6.000 piedi per l’attraversamento e già nei pressi della foce Po è coperto con CB disseminati in apertura verso il mare. Discesa iniziale a 3.000 piedi con diretto Ferrara. Ascoltiamo l’ATIS di Bologna che varia ogni minuto. Bologna settore EST ci informa di forti temporali che sulla sua rappresentazione grafica arrivano sino quasi a Ferrara in spostamento verso EST.

Procediamo in formazione larga, e stiamo appena a nord del Po dove ci sono piovaschi ma dall’altra parte del “muro” si intravede il chiaro. Buchiamo la pioggia facendo lo slalom tra i fulmini che cadono fitti a sud della nostra posizione e qualcuno a nord. Siamo nel canale tra le due cellule temporalesche, unico passaggio. Alcune scariche sono cosi’ vicine con rumori assordanti che sembriamo essere presi di mira dalla contraerea! Balliamo solo qualche minuto in modo leggero, i fenomeni violenti sono piu’ a sud e sulla frequenza di Bologna devo dire che c’è molto nervosismo tra quelli che devono atterrare e non riescono, i decolli in attesa, le holding che si ammassano sui vari punti e il carburante che impone decisioni rapide di diversione agli alternati (i controllori fanno del loro meglio ma non riescono a dare stimati in quanto i fenomeni intensi mettono tutti on hold e con il susseguirsi degli arrivi che non possono iniziare la procedura la cosa si complica e non di poco). Noi rimaniamo a nord del Po per altri 5 minuti fino ad essere completamente fuori dalla copertura per poi virare su Modena. In Ala destra il sole in ala sinistra il nero della burrasca con la visione totale di un Cumulo enorme che si estende dall’appennino fino a Ferrara. Atterriamo praticamente insieme e lo slalom alla fine ci è costato solo una decina di minuti.

Il Terzo PA28 via Adria 1 invece scende lungo le Kornati fino a Brazza senza problemi, li’ la burrasca non arriva.

Adesso vi lascio alle immagini della giornata!

 

I Fondali dell’Isolotto di Oruda nelle Secche di Palazziol

Il rientro con uno Slalom Gigante tra la Contraerea di Fulmini…

tarabusi


Lascia un commento


SOCIAL NETWORKS

Seguici sui Social

Aeroclub Modena è presente sui maggiori canali Social. Per qualsiasi informazione non esitate a contattarci. Sapremo rispondere puntualmente ad ogni vostra necessità.


8 agosto 2017
30 luglio 2017